Midda's Chronicles - le Cronache

News & Comunicazioni

E dopo tante peripezie... riprendiamo oggi la pubblicazione regolare delle Cronache di Midda!
Dal momento che sono trascorsi due anni dall'inizio della pubblicazione della 46° avventura di Midda, analogamente a quanto già fatto per Un altro morde la polvere, per qualche giorno saranno ripubblicati tutti gli episodi già irregolarmente pubblicati fra la fine del 2014 e l'inizio del 2015, per poi procedere con il proseguo delle vicende della nostra mercenaria preferita... e questa volta della sua versione "Terra Prime"!

Grazie a tutti per l'affetto e la fiducia dimostratami...

Sean, 7 agosto 2017

giovedì 11 dicembre 2014

2269


Conclusione.

Ebbene sì… ce l’ho fatta. E… no. Con “ce l’ho fatta” non intendo riferirmi agli eventi qui sopra narrati, quanto e piuttosto al fatto di essere stato in grado di narrarli.
Mi si voglia offrire un briciolo di comprensione: come scritto, ripetuto e ribadito più volte, l’ultima poc’anzi, io non sono uno scrittore. Non sono un cantore. Non sono un bardo. Né, obiettivamente, ho mai avuto velleità alcuna in tal senso. Di mio sono un locandiere: amo cucinare, apprezzo potermi prendere cura della mia clientela, e credo di essere sufficientemente bravo, senza falsa modestia, nel premurarmi affinché ognuno possa trascorrere una lieta serata all’interno della mia locanda, facendo tutto il possibile per provvedere alle più diverse e variegate esigenze dell’avventore di turno. A chi mi ha chiesto birra, sono sempre stato solito offrire la migliore birra di tutta Kriarya e dintorni. A chi mi ha ordinato cibo, non ho mai fatto mancare piatti tracotanti la migliore carne e le migliori verdure di tutta la provincia, consegnatemi quotidianamente da fornitori selezionati. A chi mi ha domandato compagnia, ho sempre proposto professionisti e professioniste seri e fidati, in grado di offrire piena soddisfazione a ogni genere di capriccio al giusto prezzo.
D’accordo. Non nego di non essere propriamente sempre stato un locandiere. In giovinezza, dopotutto, anch’io ho vissuto le mie avventure. Avventure che, del resto, mi hanno visto attraversare un intero continente, partendo dalla natia Shar’Tiagh, all’estremità nord orientale di Qahr, per giungere in quel di Kofreya, nell’estremo sud occidentale, là dove poi mi sono stabilito e ho avuto occasione di incontrare, per la prima volta, Midda Bontor. E, obiettivamente, al di là di anni ormai perduti nel fiume del tempo, difficile sarebbe comunque e anche ora qualificarmi ancora come locandiere, dal momento in cui la mia locanda è a… non so nemmeno immaginare, tantomeno quantificare, quanta distanza da me, affidata alle sapienti cure di una coppia di giovani che, sono certo, sapranno gestirla al meglio. E comunque meglio di quanto non potrei ora, io, presumere di poter gestire. Ciò non di meno, per quanto probabilmente la qualifica più appropriata sarebbe, anche per me, quella di avventuriero; è indubbio quanto, nel mio intimo, io mi senta ancora più prossimo al locandiere di un tempo che a una figura qual quella propria della mia amata. Locandiere o avventuriero che io abbia a dover essere indicato, comunque, certamente non sono un bardo. Né un cantore. Né uno scrittore. E se in questo esperimento mi sono lasciato coinvolgere in conseguenza all’insistenza della mia amata, desiderosa che mi potesse essere concessa l’opportunità di colmare il vuoto narrativo altrimenti relativo a quanto occorsomi durante i mesi che ci avevano visti separati; preferisco obiettivamente ovviare a ripetere nuovamente questa esperienza, anche vista la mancanza di costanza che, purtroppo, mi è stata propria, e lasciare il non semplice onere del narratore a chi, meglio di me, si è giò dimostrato capace di coprire simile ruolo.
Comunque sia andata, bene o male, disastrosamente o straordinariamente… ce l’ho fatta. E, alla fine, sono giunto alla conclusione della storia. O, quantomeno, di questa storia, in particolare. Giacché ancora molte hanno a dover essere elencate le avventure di Midda Bontor, donna guerriera e mercenaria, indubbiamente meritevoli di essere raccontate.

Midda sopravvisse.
Non che, in verità, potessero sussistere dubbi alcuni a tal riguardo, soprattutto in coloro che, prima di porre mano alla mia cronaca, hanno avuto occasione di leggere quella scritta, di proprio pugno, dalla mia amata e volta, nella propria conclusione, ad anticipare l’ovvietà intrinseca della propria stessa sopravvivenza alla presunta condanna a morte impostale, laddove, altrimenti, difficilmente sarebbe stata sua possibile prerogativa quella di redigere, ella stessa, un diario relativo alle proprie imprese, a quanto da lei compiuto.
Comunque, e a scanso di ogni possibilità di equivoco… Midda sopravvisse. E l’unica ragione che fummo in grado di argomentare a tal proposito, attorno a una tale inattesa, rivelazione, necessariamente, fu quella propria di un inganno, di una menzogna, di un tranello orchestrato, sin dall’origine, dalla trapassata signorina Calahab, la quale, evidentemente, non aveva mai messo in forse la sopravvivenza del proprio possibile investimento, preferendo soltanto lasciar intendere simile minaccia ancor prima che rischiare di attuarla concretamente. Quanto, poi, di ciò, avrebbe avuto a doversi attribuire direttamente alla volontà della stessa Milah Rica, o piuttosto della regina Anmel Mal Toise, ovunque ella fosse finita, difficile sarebbe stato comprendere o apprezzare.
A onore di cronaca, non posso ovviare a segnalare quanto, proprio a tal riguardo, il mio inquilino, Desmair, abbia proposto l’esistenza di una propria ipotesi, una propria teoria volta a definire le ragioni alla base del comportamento della propria ben poco amata figura materna. Purtroppo, però, Desmair ha il proprio carattere… e nell’essersi ritrovato intrappolato all’interno della mia mente, e, peggio ancora, lì inibito a qualunque genere di contatto con me o con il mondo esterno, per effetto del collare ideato dalla sua stessa genitrice, o chi per lei, non si è dimostrato sufficientemente collaborativo dal voler condividere, realmente, con noi, o anche soltanto con me, simile teorema. Implicito, in queste mie ultime parole, ha da considerarsi quanto, come probabilmente avrebbe potuto essere facilmente prevedibile, Midda Bontor, gratificata dalla scoperta della propria mantenuta esistenza in vita, non si volle premurare allo scopo di permettere la rimozione, dal mio collo, del dispositivo lì impostomi durante il periodo di prigionia all’interno della torre della famiglia Calahab… al contrario!
Non meno lieta, in ciò, rispetto al potersi riconoscere sopravvissuta a un’ipotetica condanna a morte, la mia amata ebbe immediatamente a propormi il mantenimento di tale, non propriamente comodo, ornamento, per poterci, almeno temporaneamente, liberare della scomoda presenza del mio ospite, nonché suo sposo, e riconquistare l’intimità che, già da troppo tempo, ci stava venendo negata. Una proposta, la sua, che si potrà banalmente comprendere venne, da me, immediatamente accettata; laddove, per quanto spiacevole avrebbe avuto a doversi considerare il ricordo di quei mesi di prigionia, con ogni annesso e connesso, ancor più spiacevole sarebbe stata la prospettiva di dover ricondurre, nuovamente, il nostro rapporto a una sfera puramente psicologica, abbandonando l’indubbiamente piacevole, estasiante, inebriante e, perché negarlo?, assuefacente sfera fisica in quelle stesse ore appena riscoperta. Lasciato quindi analizzare il collare tanto al buon medico di bordo, quanto al capo tecnico, al fine di verificare ogni annesso e connesso collegato all’idea di mantenere in funzione tale dispositivo, e verificato quanto, con buona pace dello stesso Desmair, apparentemente simile collare avrebbe avuto a doversi considerare più un dono che un dolo; sostanzialmente retorica fu la scelta volta ad aggiungere il medesimo al mio… equipaggiamento di base, quasi un nuovo dorato ornamento shar’tiagho volto a rendere omaggio a qualche dio.
Un dio tecnologico, in quello specifico contesto, in sola grazia e lode al quale mi stava lì venendo concessa e garantita la possibilità di riprendere a vivere un rapporto pieno e completo con la mia amata, con la donna per la quale avevo accettato di abbandonare non soltanto quella che, da sempre, era stata la mia vita quotidiana ma, ancor più, con essa, tutto il mio intero mondo, tutto ciò che, sin dal mio primo respiro, avevo mai avuto occasione di conoscere e comprendere, in favore di una consapevolezza sicuramente più amplia sul Creato ma, non per questo, necessariamente più piacevole o più semplice da accettare e digerire.

E, così, eccoci giunti alla fine dell’inizio. A una fine contraddistinta dal sapore proprio di un inizio e che, qualcuno, avrebbe potuto considerare equivalente al medesimo punto da cui tutto aveva avuto inizio, benché, obiettivamente, nulla avrebbe potuto essere considerato realmente eguale. Perché se pur qualcosa doveva ancora essere completato, restando immutato, qualcos’altro era cambiato. E qualcosa di vecchio era stato perduto nel mentre in cui qualcos’altro di nuovo era stato trovato.
Anmel Mal Toise, la regina immortale, l’Oscura Mietitrice, il principio stesso di morte e distruzione di tutto il Creato, era ancora in libertà, esattamente così come quando ci era sfuggita al termine dell’ultima grande battaglia sul nostro mondo, e, ancora, non avevamo la benché minima idea di dove avremmo potuto rintracciarla, né, tantomeno, di come avremmo mai potuto fermarla, arrestarla, sconfiggerla definitivamente. Al contrario, in quanto accaduto su Loicare, in quanto occorso in quei primi mesi, avevamo avuto nuova riprova di quanto pericolosa ella avrebbe avuto a doversi riconoscere, nell’essere stata capace, meglio di noi, di riadattarsi rapidamente a quella nuova realtà e di trovare, in essa, nuove occasioni di potere, nuovi metodi per rendere la nostra missione tutt’altro che agevole, primo fra tutti la creazione di un fittizio passato per la mia amata, sua antagonista e nemesi, tale da spingerle contro un intero pianeta con maggiore efficacia rispetto a quanto mai non poteva essere stata capace di ipotizzare di compiere neppure la sua stessa gemella, Nissa Bontor, nell’agire con il volto, le fattezze, la voce, il portamento della sorella, all’unico scopo di screditarne il nome e la fama.
Ciò non di meno, benché l’obiettivo principale del nostro viaggio attraverso l’universo intero avrebbe avuto a doversi considerare ancora ben lontano dal raggiungere una qualsiasi possibilità di compimento, Midda e io non avremmo avuto a poter essere considerati al medesimo punto di qualche mese prima. 
Midda aveva ottenuto un più che valido rimpiazzo per il nero arto dai rossi riflessi che per quasi un ventennio aveva accompagnato le sue gesta, qual surrogato del destro braccio perduto in gioventù. E per quanto, ancora, il bracciale dorato in grazia al quale avrebbe potuto isolarsi dal vincolo esistente con il suo sposo Desmair fosse ancora perduto, e probabilmente destinato a restare tale, almeno la sua amata spada bastarda era stata ritrovata, andando ad affiancare un sempre più amplio arsenale di nuove armi con le quali non si sarebbe mai lasciata mancare occasione di maturare confidenza.
Io, dal canto mio, per quanto ancora a mia volta intimamente connesso a Desmair, avevo alfine guadagnato l’occasione di potermi considerare nuovamente qual il solo padrone della mia mente e del mio corpo, così come da troppo tempo, ormai, non mi era stata più concessa la benché minima possibilità. E sebbene mi sarei dovuto considerare privato del ruolo che, per anni, mi aveva contraddistinto all’interno della società, nonché della vita della mia stessa amata, quello di locandiere, ciò non di meno mi ero già riservato opportunità di dimostrare quanto, comunque, sarei stato pronto a rimettermi in gioco in ogni momento, venendo a patti, necessariamente, con quelle regole completamente nuove e, in parte, ancora da scoprire.
Ed entrambi, particolare ancor più importante rispetto a ogni altra banalità, necessariamente tale a confronto con ciò, non avremmo più potuto considerarci stranieri in terra straniera, soli in un mondo a noi sconosciuto e alieno. Giacché se il mondo attorno a noi, ancora per qualche tempo, sarebbe comunque rimasto alieno, a bordo della Kasta Hamina ci stava venendo concessa l’occasione di essere parte di qualcosa. Di un equipaggio. Di una famiglia.
Un equipaggio, una famiglia. Obiettivamente: cos’altro avremmo potuto, di più, domandare agli dei…?

0 commenti: